Deutsch Deutsch Italiano Italiano
Patronato INCA
Home Progetto Antidiscriminazione Norme antidiscriminazione
17 | 04 | 2014
Menu Principale
Attualità
Legislazione sociale
Su di noi
Notizie flash

Germania - Le pensioni spettano anche agli ex immigrati italiani
I lavoratori italiani e il miracolo economico in Germania
''Molti non lo sanno, ma chi ha lavorato, anche per brevi periodi, in Germania, ha diritto all'assistenza previdenziale tedesca''.

Leggi tutto...
Norme antidiscriminazione PDF Stampa E-mail


Norme antidiscriminazione


L’UE si è dotata di alcune tra le norme antidiscriminazione più avanzate al mondo.

La legislazione europea in materia si basa sul Trattato di Amsterdam che, introducendo l’art. 13 al Trattato istitutivo della Comunità Europea (entrato in vigore nel 1999), ha conferito al Consiglio il potere di adottare “i provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali”.

L’attuale normativa comprende inoltre due direttive:
La direttiva sulla parità di trattamento in materia di occupazione (2000/78/CE) tutela tutti i cittadini comunitari dalle discriminazioni per motivi di età, handicap, orientamento sessuale, religione o credo sul luogo di lavoro.

La direttiva sull’uguaglianza razziale (2000/43/CE) vieta la discriminazione basata sulla razza o sull’origine etnica sul luogo di lavoro e in altri ambiti della vita quali l’istruzione, la sicurezza sociale, la sanità e l’accesso a beni e servizi.
Le direttive sono state adottate nel 2000 da tutti gli Stati membri dell’UE, che hanno quindi dovuto integrare queste nuove norme nei rispettivi sistemi nazionali.

 

Da ultimo, la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (Nizza 2000) ha sancito espressamente il diritto di uguaglianza davanti alla legge (art. 20) e il divieto di qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l’origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l’appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l’età o le tendenze sessuali (art. 21).

 

 


 
Copyright © 2005 - 2014    Patronato INCA Deutschland. All rights reserved